Letture superiori a 6,5 ​​segnalano il diabete, secondo la Mayo Clinic

Letture superiori a 6,5 ​​segnalano il diabete, secondo la Mayo Clinic

CORRELATI: I cibi migliori e peggiori da mangiare in una dieta per il diabete di tipo 2

Diabete e latticini: nessuna raccomandazione valida per tutti

Fornire una raccomandazione standard sui prodotti lattiero-caseari per le persone con diabete può essere difficile. A seconda delle esigenze e degli obiettivi di salute dell’individuo, la migliore forma di latticini varierà. “In genere incoraggio le versioni a basso contenuto di grassi, ma promuovo anche la varietà e onorando le preferenze personali del cliente”, aggiunge Zanini. “Raccomando il 2% di yogurt greco se lo si usa in pasticceria, ma lo 0% se si mangia quotidianamente a colazione. “

Per Smithson, anche le raccomandazioni sui latticini sono personalizzate. “Raccomando prodotti lattiero-caseari in base alle preferenze del mio cliente e non esitare a consigliare prodotti lattiero-caseari integrali alle persone con diabete che rientrano nell’intervallo target per il loro peso. “

Entrambi gli esperti concordano sul fatto che l’obiettivo dovrebbe essere quello di incoraggiare le persone a consumare una varietà di prodotti lattiero-caseari senza porre troppa enfasi sul contenuto di grassi. “Quando le persone credono di dover mangiare solo latticini senza grassi oa basso contenuto di grassi, può togliere il piacere di mangiare e può far sì che le persone si sentano meno soddisfatte e di conseguenza mangiano troppo”, spiega Zanini.

Tuttavia, quando si tratta di scegliere il diabete e i latticini, alcune opzioni possono essere molto più vantaggiose di altre. I nostri esperti hanno valutato le scelte migliori e peggiori.

Le migliori scelte lattiero-casearie da fare quando si ha il diabete

Yogurt greco

“I prodotti lattiero-caseari fermentati come lo yogurt sono sempre ottime scelte grazie alla loro fonte naturale di probiotici, che ha un effetto positivo sulla salute intestinale ed è legato al miglioramento dei livelli di glucosio e insulina nel corpo”, spiega Zanini. Una revisione pubblicata nell’ottobre 2017 sull’European Medical Journal ha rilevato che i probiotici sono stati in grado di abbassare i livelli di glucosio e insulina a digiuno in un contesto preclinico e in studi sull’uomo. “Lo yogurt greco fornisce la perfetta combinazione di carboidrati e proteine”, aggiunge Smithson. Goditela da sola, condita con noci o mescolata a frullati. Puoi anche usare lo yogurt greco normale come ingrediente nei prodotti da forno per ridurre i grassi aggiunti.

Formaggi a pasta filata

“Il formaggio può essere una buona opzione per bilanciare un pasto o uno spuntino aggiungendo buone fonti di proteine ​​e un po ‘di grasso”, spiega Zanini. “Con un minimo di carboidrati (solo un grammo per oncia), il formaggio non aumenterà le letture della glicemia”, aggiunge Smithson.

Latticini nutriti con erba

“Va presa in considerazione anche la fonte del caseificio, e non solo il contenuto di grassi”, sottolinea Zanini che aggiunge “il latte delle mucche nutrite con erba fornirà prodotti con un contenuto più elevato di acido alfa-linolenico, un tipo di omega -3 acidi grassi con molti benefici per la salute. “Cerca yogurt e formaggi nutriti con erba nel tuo negozio di alimentari locale.

Le scelte casearie da limitare quando si ha il diabete

Latte scremato

“In genere incoraggio i miei clienti a evitare il latte senza grassi poiché in realtà è spesso usato per trattare l’ipoglicemia a causa del suo rapido assorbimento nel corpo e della risposta più rapida della glicemia”, spiega Zanini, che consiglia il latte di mandorle non zuccherato come migliore alternativa. Smithson aggiunge che il modo in cui si consuma questa bevanda ha anche un impatto sui livelli di glucosio nel sangue. Nota che il latte è spesso abbinato a cibi contenenti carboidrati, come cereali o biscotti, e insieme quella combinazione può aumentare le letture di zucchero nel sangue.

Prodotti lattiero-caseari zuccherati

Latte al cioccolato, gelato e yogurt con zuccheri aggiunti non devono essere vietati, ma è necessario prestare particolare attenzione quando li si include in un programma alimentare per il diabete. “È possibile includere opzioni zuccherate, ma è necessario tenere conto dei carboidrati extra contenuti in questi alimenti”, spiega Smithson. “Goditeli di rado e con moderazione”, ha aggiunto Zanini.

Iscriviti alla nostra newsletter sul diabete!

L’ultima novità nel diabete di tipo 2

5 modi per gestire il diabete di tipo 2 mentre si lavora da casa

Non lasciare che la tua routine di telelavoro causi montagne russe di zucchero nel sangue.  

Di Krista Bennett DeMaio 31 marzo 2021 Contenuti pubblicitari sponsorizzati

Food Rx: un endocrinologo condivide ciò che mangia in un giorno per aiutare a prevenire il diabete di tipo 2

Un medico della Stanford University specializzato nel trattamento di persone con diabete di tipo 2 e obesità parla di mangiare verdure di nascosto, porzionando il riso. . .

Di Kate Ruder, 18 marzo 2021

Diabete di tipo 2 collegato a un aumento del rischio di malattia di Parkinson

I dati genetici suggeriscono che potrebbe esserci una relazione diretta tra il diabete di tipo 2 e un rischio più elevato di disturbo del movimento, così come la sua progressione. . .

Di Lisa Rapaport, 12 marzo 2021

Ulteriori prove L’iniezione settimanale di Semaglutide aiuta le persone con diabete a perdere peso

Venduto in una dose inferiore con i marchi Ozempic e Rybelsus per il trattamento del diabete di tipo 2, il semaglutide può anche essere sicuro ed efficace per il peso cronico. . .

Di Lisa Rapaport, 8 marzo 2021

8 cose che le persone con diabete devono sapere sui vaccini COVID-19

Scopri la sicurezza, l’efficacia e l’importanza dei vaccini COVID-19 se tu o una persona cara convivete con il diabete di tipo 1 o di tipo 2.

Di Kate Ruder, 21 gennaio 2021

Esiste un legame tra il diabete di tipo 2 e l’inquinamento atmosferico?

Studi scientifici emergenti suggeriscono che l’esposizione all’inquinamento atmosferico può influenzare il rischio di diabete e rendere la malattia più difficile da gestire se si. . .

Di Kate Ruder, 20 gennaio 2021

La metformina può portare a gravidanze più sane nelle donne con diabete di tipo 2

Le donne incinte con diabete di tipo 2 che hanno assunto metformina hanno guadagnato meno peso, hanno richiesto meno insulina e hanno avuto un minor rischio di avere bambini grandi. . .

Di Lisa Rapaport, 10 dicembre 2020

La maggior parte dei diabetici può essere a rischio molto elevato di malattie cardiache fatali in 10 anni

I risultati di nuovi studi sottolineano l’importanza di gestire i fattori di rischio di malattie cardiache se si vive con il diabete di tipo 2.

Di Melissa John Mayer, 1 dicembre 2020

Dieta mediterranea legata a un rischio di diabete ridotto del 30% nelle donne

I risultati del follow-up ventennale aiutano a illuminare i percorsi chiave nel corpo che aiutano a spiegare i benefici protettivi di questo popolare stile alimentare.

Di Becky Upham, 23 novembre 2020

7 errori di dieta a basso contenuto di carboidrati da evitare quando si ha il diabete

Ridurre i carboidrati è un pilastro della gestione del diabete, ma non è infallibile. Evita questi errori a basso contenuto di carboidrati per una migliore salute con il diabete di tipo 2.

Di K. Aleisha Fetters, 13 novembre 2020 “

Perdere peso è un modo noto per mettere in remissione il diabete di tipo 2.

Un nuovo studio aiuta a chiarire in che modo la perdita di peso può contribuire alla remissione del diabete di tipo 2 e in che modo aumentare i chili di troppo può causare la ricomparsa della malattia.

I risultati, pubblicati a dicembre 2019 su Cell Metabolism, suggeriscono che le persone con diabete di tipo 2 che raggiungono la remissione dopo la perdita di peso possono ricadere se riprendono peso in parte perché questo porta ad un accumulo di grasso nel fegato.

I ricercatori hanno esaminato i dati su 57 persone in sovrappeso e obese con diabete di tipo 2 che hanno partecipato a uno studio precedente, pubblicato a marzo 2019 su The Lancet Diabetes Endocrinologia. L’obiettivo degli autori dello studio era vedere se seguire una dieta ipocalorica per 3-6 mesi avrebbe aiutato i partecipanti a perdere almeno 15 chilogrammi (circa 33 libbre) e ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue abbastanza da ottenere la remissione del diabete. I ricercatori hanno controllato il peso dei partecipanti, la glicemia e i livelli di grasso nel fegato e nel pancreas dopo 5, 12 e 24 mesi.

Dopo cinque mesi, 28 persone hanno raggiunto la perdita di peso mirata e la remissione del diabete. Entro la fine di due anni, tuttavia, 13 di loro avevano avuto una ricaduta. Le persone che hanno ottenuto una remissione duratura hanno perso più peso inizialmente, hanno mantenuto più peso rispetto a quelle che hanno avuto una ricaduta e avevano meno grasso nel fegato e nel pancreas alla fine dello studio.

“Un eccessivo apporto calorico per molti anni avvierà cicli viziosi di accumulo di grasso sia nel fegato che nel pancreas che alla fine causa il diabete”, afferma l’autore principale dello studio Ahmad Al-Mrabeh, PhD, dell’Università di Newcastle in Inghilterra.

“La riduzione del grasso nel fegato può portare alla remissione del diabete”, afferma il dottor Al-Mrabeh. Quando lo fai, aggiunge, “il fegato smette di inviare il grasso in eccesso al resto del corpo, e quindi i livelli di grasso del pancreas diminuiscono. “

CORRELATO: Lo studio suggerisce quanta perdita di peso è necessaria per mettere il diabete in remissione

La relazione tra peso e diabete di tipo 2

Il diabete di tipo 2 è una malattia multifattoriale, con la genetica e lo stile di vita che contribuiscono entrambi al rischio. La malattia è anche associata all’obesità e all’inattività e si sviluppa quando il corpo non può utilizzare efficacemente l’ormone insulina per regolare la glicemia, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità. Il pancreas produce insulina e deve aumentare la produzione quando il corpo non utilizza questo ormone in modo efficiente. Tuttavia c’è un limite alla quantità di insulina che il pancreas può produrre e il diabete si manifesta quando il pancreas non riesce più a tenere il passo con le richieste di insulina del corpo per tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue.

Se non trattato, il diabete di tipo 2 può aumentare il rischio di insufficienza renale, attacchi di cuore, ictus, cecità, amputazioni degli arti inferiori e altre complicazioni potenzialmente pericolose per la vita.

L’esercizio fisico regolare, mangiare bene e mantenere un peso sano possono aiutare a prevenire il diabete di tipo 2. Queste abitudini di vita possono anche aiutare a ridurre la glicemia e ridurre al minimo le complicazioni quando le persone sviluppano il diabete, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.

Mentre la perdita di peso è stata a lungo collegata alla remissione del diabete, l’attuale studio offre nuove informazioni su come i due sono correlati, afferma l’autore senior dello studio Roy Taylor, MD, anche lui dell’Università di Newcastle.

Quando le persone riducono le calorie, il corpo otterrà l’energia di cui ha bisogno bruciando il grasso immagazzinato sotto la pelle, dice il dottor Taylor. Al contrario, quando le persone consumano troppo cibo, queste riserve di grasso si riempiono e quindi il grasso in eccesso inizia ad accumularsi nel fegato.

“Un eccesso di grasso nel fegato porterà a un maggiore apporto di grasso a tutti i tessuti, compreso il pancreas”, dice Taylor.

Quando il grasso si accumula nel pancreas, questo interferisce con la produzione di insulina, rendendo più difficile per il corpo regolare la glicemia e contribuendo al diabete. Quando le persone raggiungono la remissione del diabete attraverso la perdita di peso, il recupero del peso può riavviare il processo di accumulo di grasso nel fegato, e quindi nel pancreas, e portare a ricadute, secondo lo studio.

CORRELATO: Quali tipi di diabete possono essere messi in remissione?

La remissione sostenuta porta a livelli inferiori di grasso pancreatico

All’inizio dello studio, tutti i partecipanti tendevano ad avere A1C più alti. A1C è un esame del sangue utilizzato per diagnosticare il diabete e determinare il livello di controllo della glicemia. Mostra la percentuale di emoglobina (una molecola sui globuli rossi) rivestita di zucchero e riflette i livelli medi di zucchero nel sangue nell’arco di due o tre mesi. Letture superiori a 6. 5 segnalano il diabete, secondo la Mayo Clinic.

Le persone che non hanno mai raggiunto la remissione nello studio hanno iniziato con un diabete più grave, con letture medie di A1C di 7,9, rispetto alle letture medie di A1C di 7,4 tra le persone che hanno sperimentato la remissione.

La perdita di peso inizialmente ha portato a riduzioni simili nella percentuale di grasso nel fegato e nel pancreas per le persone che hanno raggiunto la remissione del diabete, così come per quelle che non l’hanno fatto.

Dopo cinque mesi, le persone in remissione avevano il 3,4% di grasso nel fegato rispetto al 2,6% nelle persone che non avevano raggiunto la remissione, ma questa differenza non era statisticamente significativa.

I partecipanti hanno anche suganorm bufala sperimentato diminuzioni simili nei livelli di grasso nel pancreas dopo cinque mesi: un calo di 0. 91 punti percentuali tra le persone che sono entrate in remissione e di 0. 17 punti per quelle che non l’hanno fatto. Anche questa differenza non era statisticamente significativa.

Alla fine del periodo di follow-up di due anni, tuttavia, i livelli di grasso pancreatico erano diminuiti di 1,65 punti percentuali tra le persone con remissione sostenuta e solo 0,51 punti percentuali tra coloro che non lo avevano fatto.

Un limite dello studio è che era piccolo ei ricercatori hanno basato la loro analisi di due anni su solo 20 persone che hanno subito la remissione e 13 persone che hanno avuto una ricaduta.

Inoltre, non è chiaro dallo studio se le persone prendessero farmaci per il diabete, cosa mangiassero o quanto si esercitassero, fattori che possono influenzare se le persone ottengono la remissione.

“Sarebbe stato utile se lo studio includesse maggiori informazioni su come è stata ottenuta la perdita di peso”, afferma Sheri R. Colberg, PhD, professoressa emerita di scienze motorie presso la Old Dominion University di Norfolk, in Virginia.

CORRELATI: 6 ottimi esercizi per le persone con diabete

Cosa suggerisce lo studio sulla perdita di peso e sul diabete di tipo 2

“Il messaggio più importante è che le persone devono fare tutto il possibile con il loro stile di vita per migliorare la loro sensibilità all’insulina”, afferma il dottor Colberg, che non è stato coinvolto nello studio. La sensibilità all’insulina si riferisce all’efficienza con cui il corpo può utilizzare l’ormone per convertire gli zuccheri in energia.

“La restrizione dietetica può aiutare in questo – e la resistenza all’insulina diminuisce anche prima di una significativa perdita di peso – ma il recupero di peso è molto comune”, aggiunge Colberg. Sia una dieta a basso contenuto di carboidrati che allenamenti costanti possono aiutare le persone con diabete a perdere peso e abbassare lo zucchero nel sangue, dice.

Ma molte persone che si affidano esclusivamente alla dieta per mantenere la perdita di peso riguadagnano molti dei chili che perdono, dice Colberg. Gli atleti, d’altra parte, possono mantenere il peso fuori quando continuano a essere attivi.

“L’attività fisica è probabilmente il modo più importante per mantenere i muscoli sensibili all’insulina e per evitare che i carboidrati in eccesso vengano convertiti in grasso e immagazzinati nel fegato e nel pancreas”, afferma Colberg.

CORRELATI: 7 Suggerimenti per la motivazione dell’esercizio per le persone con diabete di tipo 2

Iscriviti alla nostra newsletter sul diabete!

L’ultima novità nel diabete di tipo 2

5 modi per gestire il diabete di tipo 2 mentre si lavora da casa

Non lasciare che la tua routine di telelavoro causi montagne russe di zucchero nel sangue.  

Di Krista Bennett DeMaio 31 marzo 2021 Contenuti pubblicitari sponsorizzati

Food Rx: un endocrinologo condivide ciò che mangia in un giorno per aiutare a prevenire il diabete di tipo 2

Un medico della Stanford University specializzato nel trattamento di persone con diabete di tipo 2 e obesità parla di mangiare verdure di nascosto, porzionando il riso. . .

Di Kate Ruder, 18 marzo 2021

Diabete di tipo 2 collegato a un aumento del rischio di malattia di Parkinson

I dati genetici suggeriscono che potrebbe esserci una relazione diretta tra il diabete di tipo 2 e un rischio più elevato di disturbo del movimento, così come la sua progressione. . .

Di Lisa Rapaport, 12 marzo 2021

Ulteriori prove L’iniezione settimanale di Semaglutide aiuta le persone con diabete a perdere peso

Venduto in una dose inferiore con i marchi Ozempic e Rybelsus per il trattamento del diabete di tipo 2, il semaglutide può anche essere sicuro ed efficace per il peso cronico. . .

Di Lisa Rapaport, 8 marzo 2021

8 cose che le persone con diabete devono sapere sui vaccini COVID-19

Scopri la sicurezza, l’efficacia e l’importanza dei vaccini COVID-19 se tu o una persona cara convivete con il diabete di tipo 1 o di tipo 2.

Di Kate Ruder, 21 gennaio 2021

Esiste un legame tra il diabete di tipo 2 e l’inquinamento atmosferico?

Studi scientifici emergenti suggeriscono che l’esposizione all’inquinamento atmosferico può influenzare il rischio di diabete e rendere la malattia più difficile da gestire se si. . .

By | 2021-05-19T15:08:50+00:00 April 23rd, 2020|blog|0 Comments

About the Author: